MATTEO

IL MONDO DEL LIUTAIO (12/12/2016)

Esperienza interessantissima, grande personalità e professionalità di Gianmaria e location fantastica!!
Una considerazione sul sito: è fatto incredibilmente bene!
continuerò a seguirvi con piacere

Matteo

LILIANA

IL MONDO DEL LIUTAIO (18/06/2015)

Sarei rimasta ore. In un suggestivo laboratorio un mestiere che richiede manualità, costanza e tanta, tanta pazienza. Ammirevole. Grazie a Italian Stories per avermi dato l'opportunità di fare quest'esperienza UNICA, a Marco Cavaciuti e soprattutto a Gianmaria per avermi fatta avvicinare a questa raffinata, incantevole arte.

GIANMARIA | Liutaio

CHIEDI UNA DATA O ESPERIENZA SU MISURA

WISH LIST

CONDIVIDI LA STORIA

LA STORIA

Uno strumento di qualità migliora il musicista, un buon musicista migliora lo strumento di qualità.

E’ questo il nesso più intimo ed affascinante che mi ha spinto a capirci di più. Non da musicista (suono il violoncello per godermelo, divertirmi e divertire, cercando di carpirne il segreto che fa vibrare), ma da liutaio. Il mestiere più bello del mondo: lo dice chi lo ha scelto, sembra lo pensino in molti.

Per produrre ciò che tradurrà gesti in musica ci vuole pazienza, una pazienza costante ma che cresce con l’andare del tempo, quando da un tronco d’albero ci si ritrova con una tavola armonica pronta per essere verniciata.

Legno, soltanto legno e tempo, molto. Dedizione, vesciche, calli e schegge. Attrezzi rubati a scultori e dentisti, orafi e pittori. Ci sono i profumi, c’è quello “alpino” dell’abete di risonanza, l’acero bruciato che ricorda il cioccolato, i balsami e le essenze delle vernici naturali, la pece. E ciò che profumato non è, e al contrario maleodora, con gli anni diventa quasi piacevole: le colle animali sciolte a bagnomaria, il metallo degli attrezzi affilati sulle pietre umide, l’olio di lino in cottura.
Più di un mese per costruire un violino, quasi tre per un violoncello. E’ un processo creativo a metà tra artigianato ed arte, in una dimensione fondata sui decimi di millimetro che lascia comunque spazio all’istinto e coinvolge occhio e orecchio, mano e pensiero.

La qualità prima tutto. Nella scelta delle materie prime, nella cura degli strumenti di lavoro, nel continuo apprendimento di gesti decisi e precisi, primitivi come scortecciare un quarto di abete o eleganti, come pennellare una vernice sulle bombature di una viola.

E con la ricerca di qualità, lo studio e la comprensione dei fenomeni acustici; con in testa l’idea, l’utopia cui avvicinarsi del massimo appagamento di occhi esigenti ed orecchie esperte.

Per coronare il sogno di cogliere appieno l’alchimia tra un musicista ed il suo strumento.
In una speranza di infinità, a servizio della Musica.

GIANMARIA | Liutaio


LA STORIA
Uno strumento di qualità migliora il musicista, un buon musicista migliora lo strumento di qualità. E’ questo il nesso più intimo ed affascinante che mi ha spinto a capirci di più. Non da musicista (suono il violoncello per godermelo, divertirmi e divertire, cercando di carpirne il segreto che fa vibrare), ma da liutaio. Il mestiere più bello del mondo: lo dice chi lo ha scelto, sembra lo pensino in molti. Per produrre ciò che tradurrà gesti in musica ci vuole pazienza, una pazienza costante ma che cresce con l’andare del tempo, quando da un tronco d’albero ci si ritrova con una tavola armonica pronta per essere verniciata. Legno, soltanto legno e tempo, molto. Dedizione, vesciche, calli e schegge. Attrezzi rubati a scultori e dentisti, orafi e pittori. Ci sono i profumi, c’è quello “alpino” dell’abete di risonanza, l’acero bruciato che ricorda il cioccolato, i balsami e le essenze delle vernici naturali, la pece. E ciò che profumato non è, e al contrario maleodora, con gli anni diventa quasi piacevole: le colle animali sciolte a bagnomaria, il metallo degli attrezzi affilati sulle pietre umide, l’olio di lino in cottura. Più di un mese per costruire un violino, quasi tre per un violoncello. E’ un processo creativo a metà tra artigianato ed arte, in una dimensione fondata sui decimi di millimetro che lascia comunque spazio all’istinto e coinvolge occhio e orecchio, mano e pensiero. La qualità prima tutto. Nella scelta delle materie prime, nella cura degli strumenti di lavoro, nel continuo apprendimento di gesti decisi e precisi, primitivi come scortecciare un quarto di abete o eleganti, come pennellare una vernice sulle bombature di una viola. E con la ricerca di qualità, lo studio e la comprensione dei fenomeni acustici; con in testa l’idea, l’utopia cui avvicinarsi del massimo appagamento di occhi esigenti ed orecchie esperte. Per coronare il sogno di cogliere appieno l’alchimia tra un musicista ed il suo strumento. In una speranza di infinità, a servizio della Musica.
CHIEDI UNA DATA O ESPERIENZA SU MISURA

WISH LIST

CONDIVIDI LA STORIA


RECENSIONI
MATTEO

IL MONDO DEL LIUTAIO (12/12/2016)

Esperienza interessantissima, grande personalità e professionalità di Gianmaria e location fantastica!!
Una considerazione sul sito: è fatto incredibilmente bene!
continuerò a seguirvi con piacere

Matteo
LILIANA

IL MONDO DEL LIUTAIO (18/06/2015)

Sarei rimasta ore. In un suggestivo laboratorio un mestiere che richiede manualità, costanza e tanta, tanta pazienza. Ammirevole. Grazie a Italian Stories per avermi dato l'opportunità di fare quest'esperienza UNICA, a Marco Cavaciuti e soprattutto a Gianmaria per avermi fatta avvicinare a questa raffinata, incantevole arte.

LE ESPERIENZE DI GIANMARIA

VISIT

IL MONDO DEL LIUTAIO

Gianmaria, liutaio

36

Apertura del laboratorio ai curiosi, accesso allo spazio per un'ora circa e panoramica sul mestiere di liutaio, con spiegazione sintetica della storia, della scelta dei materiali e delle fasi costruttive degli strumenti ad arco.

TRENTO, Tn

SCEGLI IL MATERIALE CON CUI LAVORARE

CIBO VETRO METALLO

ODR

Italian Stories è stato finanziato sul programma Operativo FESR 2007-2013 della Provincia Autonoma di Trento anche con il contributo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale